Crac banche venete: relazione della commissione regionale

Share

Questa è una storia da brividi che ha portato al fallimento delle due popolari, che ha sconquassato l’economia e la società del Veneto, che ci ha privato di due istituti bancari fondamentali per le nostre imprese e famiglie. 

Dagli elementi raccolti risultano evidenti le enormi responsabilità di BI, del Governo, e anche di Intesa, la quale ha giocato una partita volta solo a massimizzare il proprio tornaconto (con ottimi risultati). 

Si può aggiungere che le istituzioni nazionali non sono riuscite a tutelare le banche italiane in Europa, e che le istituzioni locali non hanno tutelato le banche venete presso le istituzioni italiane.

Le banche erano di proprietà degli ex soci. I quali ne sono stati espropriati a causa degli errori, delle omissioni, degli interventi tanto maldestri quanto arroganti delle istituzioni. 

Qui non si tratta di ‘ristorare’, qui si deve ‘risarcire’ i soci da un danno patrimoniale ingiusto che hanno subito, del quale sono solo vittime e del quale non hanno alcuna responsabilità. 

Qui è assurdo e fuorviante parlare di ‘misselling’, anche se le due popolari hanno forzato la vendita delle azioni negli ultimi anni di crisi; infatti, le cause del fallimento di queste banche sono maturate grazie a errori marchiani delle istituzioni nazionali; in particolare, si tratta di errori di BI e anche del Governo. 

I quali sono tenuti a rispondere dei propri errori.

Allora, ripeto, qui non si tratta di adottare un atto di benevolenza da parte del Governo, per ‘ristorare’ dei soci sprovveduti che si sono fatti ingannare dalle rispettive società. Qui bisogna che chi ha sbagliato paghi! Qui bisogna che chi ha procurato il danno ‘risarcisca’ chi l’ha subito.

Di questa brutta storia resterà traccia per decenni. Mai come in questo caso è emersa in modo chiaro la figura del ‘veneto pantalon’ e del rapporto che esiste tra istituzioni romane e venete.

Speriamo che almeno serva da monito per il futuro.

SCARICA IL RIASSUNTO DELLA RELAZIONE FINALE
DELLA COMMISSIONE
REGIONALE

Share