Chi è Andrea Maroso?

Sono nato a Montecchio Maggiore il 15 agosto del 1976, residente a Vicenza prima a San Pio X, poi al Ponte del Marchese e a Laghetto.
Sono sposato con Elena e abbiamo 2 bambini di 13 e 10 anni.
Ho frequentato il Liceo Ginnasio Classico A. Pigafetta e poi mi sono laureato in Chimica Industriale a Padova.
Ho iniziato a lavorare subito in laboratori di ricerca e sviluppo passando dal settore conciario alle venrnici in polvere, dalle batterie piombo/acido solforico alle guarnizioni per pompe. Dal 2015 sono libero professionista nel campo della salute e sicurezza dei lavoratori in collaborazione con uno studio di Vicenza e opero in tutto il Triveneto.
Appassionato di Lanerossi (abbonato dal 1995, only curva SUD) e Pallacanestro Vicenza 2012, musica (suono la chitarra), sport, donatore di sangue FIDAS.
Da sempre interesso alla politica della mia città e della mia patria (il Veneto); mi sono iscritto nel 92 all’allora Liga Veneta successivamente abbandonata quando ha senso di parlare di Veneto e indipendenza.
Dal 2012 sono tornato in pista per dare un futuro ai miei figli al fianco degli indipendentisti.

Hai domande proposte o suggerimenti? Scrivi ad Andrea!

IL MIO PROGRAMMA PER VICENZA

  • Area stazione, Campo Marzio, v.le Milano, vie Torino, Firenze, Napoli, p.le Bologna, pattugliamento continuo 24 h su 24 con personale di polizia locale e forze dell’ordine (minimo 4 persone);
  • Presidio fisso di polizia locale presso il “bar Moresco” controlli a tappeto e a oltranza per estirpare le attività illegali;
  • Integrazione del personale disponibile con nuove assunzioni e con la disponibilità dei servizi di vigilanza privati;
  • Coinvolgimento attività commerciali presenti sia con forme di tutela sia attraverso l’utilizzo in rete delle telecamere di sicurezza pubbliche e private;
  • Coinvolgimento delle società sportive e ricreative (scout, acr, ecc) per utilizzare Campo Marzio tutto l’anno.
  • Divieto di sosta su tutto il territorio comunale;
  • Richiesta di permesso preventivo per accedere max 48 ore in aree sosta a tempo;
  • Referendum sull’eliminazione dei campi nomadi fissi = o sono nomadi o fissi!
  • V.le Diaz e Cricoli: basta utenze a scrocco, controlli mensili sui pagamenti, cauzioni molto alte, sgombero degli utenti morosi, valutazione periodica delle condizioni igienico sanitari con affidamento dei minori a strutture specializzate;
  • Creazione di una rete/sistema di segnalazioni rapide per le situazioni di degrado/sporcizia (vedi funerale del re a Bertesina), mai più i vicentini pagheranno per la sporcizia altrui.
  • No al definitivo allo spostamento degli uffici comunali in via Torino;
  • Stop definitivo allo svuotamento del centro storico (camera di commercio, banca d’Italia, tribunale, agenzia entrate);
  • Sfruttamento efficiente delle risorse immobiliari; riqualificazione area San Lorenzo – Corso Fogazzaro con nuovo front-office comunale all’ex cinema corso e camera di commercio con ulteriori sportelli di catasto, agenzia delle entrate, camera di commercio, tribunale sede biblioteca bertoliana a palazzo Repeta (ex Banca d’Italia);
  • Nuovo polo universitario a Santa Corona all’ex tribunale: la vera rivitalizzazione del centro storico passa necessariamente per la ripopolazione durante tutto l’arco della giornata e questo si realizza offrendo una serie di servizi ai cittadini e agli studenti. Trento in 15 anni è riuscita a riappropriarsi del proprio centro anche durante le ore serali e notturne puntando sullo sviluppo universitario e sulla cultura (Muse). Vicenza deve essere in grado di fare altrettanto, unendo una proposta universitaria competente e moderna a un cartellone culturale (musei, teatro) da sviluppare ulteriormente dopo gli ultimi ottimi 5 anni.
  • Demolizione palazzo uffici con creazione di una piazza unica attorno alla Basilica palladiana;
  • A San Biagio realizzazione di una struttura ricettiva in centro storico con riorganizzazione di tutto il quartiere (demolizione edificio aim).
  • Stop ai parcheggi in centro storico (no allo sfruttamento dell’ex tribunale come parcheggio, rimozione della struttura a Santa Corona e trasferimento del parcheggio all’ex macello);
  • La lotta allo smog comincia riducendo l’utilizzo dell’auto e incentivando la mobilità pubblica;
  • Rimozione della telecamera di controllo in viale San Lazzaro: nessun beneficio in termini di sicurezza, ma un trucco per ingrassare il bilancio;
  • Stop ai microinterventi di quartiere, la filosofia sarà “prospettiva e programmazione”: i problemi dell’Anconetta, di vle Dal Verme, Albera, riviera berica, vle della Pace, San Lazzaro si risolvono con l’analisi dei flussi con una progettazione nuova e complessiva della città e non «taconando» a seconda delle esigenze elettorali di turno;
  • Realizzazione di un sistema di entrata e uscita dalla città a sensi unici, per liberare spazio per ciclabili e tram elettrici;
  • Progettazione di una vera mobilità integrata e sostenibile;
  • Ripristino del biglietto giornaliero;
  • Agevolazioni fiscali per chi si muove in bici e tram (stile app Movecoin), sistema di bike sharing in corrispondenza dei park scambiatori;
  • Creazione di un sistema di trasporto veloce a zero impatto ambientale sfruttando le corsie lasciate libere con l’adozione dei sensi unici (tram o metropolitana di superficie);
  • Eliminazione dei blocchi del traffico, l’arpav ha dimostrato che il traffico veicolare impatta solo per il 18% sull’inquinamento atmosferico; spostare le risorse per il controllo delle altre fonti di inquinamento (riscaldamento e industriale). La riduzione dello smog non passa dai blocchi ma attraverso una cultura della mobilità sostenibile;
  • Analisi dei flussi degli americani per integrare le nostre esigenze con le loro (per non parlare delle celeberrime compensazioni, siamo ancora in attesa!).
  • Incentivazione acquisto biciclette e automobili elettriche.

Bilancio da 12 milioni di euro;

  • La città non deve farsi carico oltre delle decisioni prese dallo Stato italiano, quindi i 2,1 milioni di euro destinati all’inclusione sociale saranno ridestinati ai nostri anziani e ai nostri bambini;
  • Ipab: le risorse saranno garantite dall’indipendenza, per dare una vita dignitosa ai nostri anziani. la nostra idea è di evitare di mettere le mani su strutture fatiscenti e di ripartire con il piano di piccole strutture snelle di quartiere, riqualificando altri edifici in stato di abbandono (ex manicomio di laghetto, ridestinazione scuola Lioy Stanga, ecc);
  • Riordino dei criteri di assegnazione dei posti agli asili nido.
  • Progetti di insegnamento della cultura e lingua veneta nelle scuole elementari e medie;
  • Sinergia con le altre realtà del territorio per creare un cartellone poliedrico e condiviso;
  • Continuare nell’utilizzo della basilica palladiana nel solco dell’operato dell’ultima amministrazione per rendere il monumento un elemento vivo della città, ad esempio con la proclamazione dei neolaureati;
  • Finanziamento delle realtà di quartiere per la creazione di un sistema diffuso: teatro San Marco, Primavera, Araceli, Polegge.

La parola d’ordine sarà riqualificare.

  • Stop al consumo di territorio;
  • Area laghetto (ex polo sanitario);
  • Area ex Domenichelli;
  • Stadio, concessione per 99 anni alla proprietà con ristrutturazione e aggiornamento dell’attuale Menti;
  • Riconversione delle aree edificabili in aree agricole (ex pp10);
  • Riconversione della torre Girardi a nuova sede aim.
  • La parola d’ordine sarà sinergia pubblico privato con affidamento alle società sportive degli impianti cittadini.
  • Manutenzione straordinaria delle palestre grazie ai 500mila euro risparmiati ogni anno per la manutenzione dello stadio;
  • Adeguamento dei campetti di quartiere con canestri, reti, porte per una città degna del titolo di città europea dello sport.

La squadra
vicentina
di Siamo Veneto

BAROCCO ARIANNA
BUSATO MARCO
CARINO ALAIN
CARINO MARIA ILDA
CAVALIERE ENRICO
CHIODI ELISABETTA
CHIODI GIULIO
COLPO MIRKO
COLPO SARAH
DURANTE SALVATORE
FAGGIONATO MATTEO
GAZZANI MASSIMO

LANGELLA ANDREA
MAGGIOLO RICCARDO
MAGRIN MARCO
MICHELETTO LARA
MUSCO FEDERICA
RIGON ANDREA
RIZZO BARBARA
ROSSATO RENATA LINA
SPEGGIORIN SARAH
STERCHELE LISA
TASIN MASSIMILIANO

SCARICA E CONDIVIDI SU FACEBOOK